Giornale dell'I.T.I.S. "G. Cardano" - Pavia

---

Reportage calcio dilettantistico

AUTORI
Leonardo Bariani, Emanuele Calvi, Tommaso Rampini, Michele Rocca, classe 3ICL, ITIS G. Cardano
Ultima modifica: 3 settimane fa

Tempo di Lettura
~ 7 minuti
Valutazioni: 2
| Media: 4.5

 

Frigirola 1952, celebrazione di una vittoria

 

SOTTO I RIFLETTORI DEL DILETTANTISMO CALCISTICO IN ITALIA: STORIE VERE E PASSIONE AUTENTICA

Solo in Lombardia il calcio dilettantistico coinvolge 55983 atleti, in tutta Italia ben 362802.

Il calcio è in cima agli sport praticati dai ragazzi, che lo giocano per divertirsi, sfogarsi, distrarsi dai problemi; solo alcuni, con molto talento, che amano questo sport e che si allenano duramente, ambiscono a farlo diventare il loro lavoro. Parliamo per esempio  di Lamine Yamal, classe 2007, giocatore del F.C. Barcellona; oppure, molto più vicino a noi, di Francesco Camarda, classe 2008, secondo giocatore più giovane nella storia del calcio professionistico. 

In questo reportage tratteremo di un giocatore, che nel suo piccolo, gioca a calcio a livelli dilettantistici per divertimento; il ragazzo che abbiamo intervistato è Tommaso Rampini, portiere della Frigirola 1952, militante nella squadra dei nati nel 2007. Tommaso ha iniziato a giocare a calcio all’età di 7 anni, insieme ai suoi compagni di classe, solamente per poter passare più tempo con loro e soprattutto per avere più cose in comune; ma all’inizio non sapeva che in quel momento avrebbe iniziato una delle più grandi e importanti avventure della sua vita, che lo hanno legato per nove anni alla società del Mirabello calcio, per poi passare alla Frigirola un anno fa.

LA PARTITA DEL WEEKEND. UN PERFETTO EQUILIBRIO: IL PAREGGIO CHE HA TENUTO IL PUBBLICO CON IL FIATO SOSPESO

23 marzo 2024, Siziano Lanterna 1 – 1 Frigirola 1952

La partita si svolge sabato 23 marzo al campo comunale di Siziano con calcio d’inizio alle 15.30, in quella che si prospetta una bella giornata e soprattutto una bella partita che coinvolge i settori giovanili di Siziano Lanterna e Frigirola 1952, con la prima attualmente tra il secondo e il terzo posto e l’altra in lotta per il terzo. Una grande sfida che si conferma tale già nei primi minuti quando, da un calcio d’angolo a favore della squadra di casa, il Siziano passa in vantaggio con un bel piazzato del proprio difensore che non lascia scampo al portiere, posizionando la palla sotto l’incrocio con grande forza. Grazie al gol i casalinghi prendono fiducia, ma la Frigirola si difende bene e prova ad affondare prima colpendo un palo da palla inattiva con il suo capitano e dopo una traversa con un colpo di testa del suo numero 11.

La maledizione si rompe quando al 33’ del primo tempo, dopo un tiro-cross del capitano, il numero 9 della ‘Frigi’ stoppa e la gira in porta alla sinistra del portiere avversario. Da qui alla fine del primo tempo le emozioni sono poche e le idee confuse; si arriva quindi all’intervallo sul risultato di 1 a 1. Durante la pausa gli allenatori delle due squadre dicono ai loro giocatori di provare ad affondare il colpo, dato che un gol a questo punto della gara potrebbe risultare decisivo.

Inizia la ripresa con la Frigirola in avanti; i neroverdi sfiorano la rete del 2 a 1 con un colpo di testa neutralizzato dal portiere avversario. Si prova a far vedere anche la squadra di casa ma la difesa ospite, ben organizzata, respinge i tentativi avversari. La partita sembra bilanciata fino a quando un colpo di testa su un calcio d’angolo, ben battuto da parte del numero 7 ospite, viene fermato sulla linea dall’intervento provvidenziale del difensore. Dopo questa grande occasione è il Siziano che cerca il gol della vittoria e per poco non lo trova; infatti il numero 14, appena subentrato, manda alta una palla non facile, ma con il portiere già battuto. Segue una grande parata del numero 1 della Frigirola che si ripete poco dopo, lasciando però la palla al capitano avversario per il più facile dei tap-in che manda incredibilmente sul fondo. La partita sembra aver preso una direzione ben precisa, infatti negli ultimi 10 minuti di gara è un assedio da parte della squadra di casa, ma il portiere e la difesa ospite negano il gol del vantaggio. All’improvviso un lampo della Frigirola, appena prima del fischio finale, trova il suo numero 8 lanciato direttamente dal proprio numero 1; salta un difensore con un sombrero spettacolare, ma viene poi fermato davanti alla porta con un gran intervento del portiere.

Arriva dunque il fischio finale che viene accompagnato da una spiacevole grandinata, arrivata all’improvviso sul centro sportivo e schivata per pochi secondi dai giocatori e dalle panchine delle due squadre che comunque ci hanno regalato una bella partita piena di emozioni, lasciando fino all’ultimo i presenti con il fiato sospeso.