Giornale dell'I.T.I.S. "G. Cardano" - Pavia

---

Le eccellenze in scena!

AUTORI
Sara Grignani, Carlotta Novarini 2DLS
Ultima modifica: 12 mesi fa

Tempo di Lettura
~ 6 minuti
Valutazioni: 23
| Media: 5

Il 19 maggio 2023,  nell’Aula Magna gremita di studenti, genitori e docenti, si è svolta la Festa delle Eccellenze, dedicata alla premiazione degli alunni del Cardano che si sono distinti per media dei voti o in gare culturali e concorsi.

La dr.ssa Giancarla Gatti Comini, Dirigente della scuola, ha aperto la cerimonia dando il benvenuto a tutti i presenti ed esprimendo la sua gioia per un’iniziativa che riconosce l’importanza di una Scuola che premia il merito e che comunica il valore dello studio.  Ha ringraziato i professori e tutto il personale scolastico per l’impegno e la passione profusi a preparare i ragazzi e a renderli “studenti brillanti, cittadini consapevoli, lavoratori capaci”. Ha poi concluso rivolgendosi ai genitori che hanno dimostrato di “credere nell’istruzione e nelle istituzioni”, seguendo e supportando i loro figli.  Si è infine rivolta ai veri protagonisti della mattinata, gli studenti, complimentandosi con loro per i risultati e i valori espressi nel corso dell’anno scolastico 2022-23 e non solo.

I ragazzi si sono presi a questo punto la scena, chiamati dalla prof.ssa Alessandra Stoppini collaboratrice della Dirigente, sotto gli occhi orgogliosi delle famiglie e dei loro professori, per ritirare il premio assegnato direttamente dalle mani della dr. Gatti Comini o della sua collaboratrice vicaria, prof.ssa Claudia Bellinzona.

I primi ad essere premiati sono stati Andrea Cassarino della 5DLS e Matteo Pacchiega della 5CI, i due più meritevoli studenti, per media dei voti, del quinto anno dei rispettivi percorsi, liceale e  tecnico.

 

Andrea Cassarino 5 DLS

Andrea Cassarino ha ricevuto una borsa di studio  offerta da AMICIC, che la Preside ricorda essere un’associazione “nata  in ricordo di Stefano Ciceri, ex studente del Cardano e Medaglia d’oro al valor civile per il suo operato come volontario; Matteo Pacchiega ha ottenuto una borsa di studio offerta da un Gruppo di Ex Alunni dell’istituto, i quali, essendo molto affezionati a questa scuola, ne rinnovano ancora una volta il  legame.

Matteo Pacchiega 5CI

Oltre alle prime due importanti borse di studio, ne sono state  assegnate altre cinque a cura della scuola;  sono stati premiati  i  5 studenti  che si sono distinti per profitto scolastico, uno per ogni indirizzo di studi:

Luca Zuccotti della 5AC, migliore studente del corso Chimica e Materiali,

Leonardo Viola della 5AE, migliore studente di Elettrotecnica,

Federico Rizzi della 5CI, migliore studente di Informatica,

Michele Repossi della 4BM, migliore studente di Meccanica,

Luca Stella della 4ELS, migliore studente del Liceo delle Scienze Applicate.

I nostri 7 studenti premiati con borsa di studio

Durante la seconda parte della cerimonia sono stati assegnati Attestati di Merito agli alunni che si sono distinti nelle gare culturali ottenendo i migliori piazzamenti nelle fasi di istituto o nelle fasi successive, provinciali e regionali. Questi ragazzi si sono impegnati oltre l’orario scolastico per potersi preparare ad affrontare al meglio le prove che richiedono competenze linguistiche, logico-matematiche, scientifiche a seconda della tipologia di competizione.

Riportiamo di seguito i loro nomi e la categoria in cui si sono distinti.

Olimpiadi di Chimica: Riccardo Venturini (2AC), Edoardo Renelli (4AC).

Olimpiadi di Fisica: Luca Stella (4ELS), Alessandro Broglia (3ICL), Cristian Bonardi (3BLS), Gabriele Iraci (3ALS).

Olimpiadi di Informatica: Marco Cinieri (2AI), Luca Stella (4ELS), Luca Frignocca (4BLS), Matteo Di Paola (2DLS), Camilla Marchesi (3BLS), Elia Barp (2BLS).

Olimpiadi di Italiano: Matteo Meli (2AI), Matteo Di Paola (2DLS), Emma Novarini (3DLS).

Olimpiadi di Matematica: Matteo Di Paola (2DLS), Omar Abou (2ICL), Gabriele Gamba (2ICL).

Giochi di Anacleto: Matteo Di Paola (2DLS), Matteo Sala (2BM), Luca Sampietro (1ICL).

Alcuni studenti si sono distinti per aver vinto concorsi storico letterari:

“Il Tempo della Storia”: Luca Castoldi (5DLS), Leonardo Poncina (5DLS), Andrea Cassarino (5DLS);

“Racconta il Futuro”: Nausicaa Indaco (4DLS);

“Concorso Milani: come è bella l’avventura” Pietro Crozi (2AI).

“Concorso Treno della Memoria”: classe 5CI rappresentata dallo studente Niccolò Cecchetti.

Un riconoscimento particolare è stato rivolto a Matteo Riccardi della 2DLS che si è distinto  per aver realizzato la locandina dell’evento di oggi e di altri progetti nel corso dell’anno scolastico. Matteo ha ottenuto il “Premio per la grafica”.

La  premiazione si è conclusa con gli Attestati assegnati per i risultati ottenuti nelle gare sportive individuali: Mattia Guidi (2ICL) e  Greta Lazzari (3AC) come campioni provinciali della corsa campestre; Sofia Tralli (3AM) campionessa provinciale per il getto del peso; Pietro Vittorio Carminati (3BM) campione provinciale  nei 100HS.

Le nostre interviste.

Al termine delle premiazioni, mentre studenti e famiglie partecipavano al piccolo buffet offerto dalla scuola, ci siamo inoltrate tra gli invitati per scoprire informazioni e, perché no, qualche curiosità sugli studenti premiati. Abbiamo posto a queste eccellenze alcune domande, per entrare un po’ nel loro mondo e trarre insegnamento e ispirazione dalle loro esperienze e dalle loro parole.

Come primo quesito, abbiamo chiesto se avessero dei consigli o dei suggerimenti da dare per migliorare il rendimento scolastico. Tutti, per rispondere, hanno parlato di passione, di volontà e di impegno: Andrea Cassarino suggerisce di appassionarsi alle materie “perché le cose fatte controvoglia non potranno mai venire bene”. Leonardo Viola aggiunge di “non farsi condizionare dal pensiero delle persone che non credono in noi, ma di essere i primi a credere nei propri talenti”. Luca Stella, a questo proposito, ricorda che ogni persona è unica e che ognuno ha il proprio “range di miglioramento”, per cui “non bisogna percepire la scuola come una pressione, ma viverla con tranquillità”. A sostegno di questa tesi riportiamo il discorso di Matteo Riccardi che riconosce la scuola come mezzo con il solo scopo di formare i ragazzi.

Matteo Pacchiega suggerisce di stare attenti in classe, perché “la maggior parte del lavoro viene fatto a scuola”; su questo punto si soffermano anche Matteo Di Paola e Federico Rizzi, i quali sostengono che, ascoltando le lezioni, lo studio a casa risulta più semplice.

La prossima domanda mette sui piatti della bilancia le capacità personali dello studente e la passione che egli mette nello studio. Tutti sostengono che siano la dedizione, la voglia di fare, la fatica, l’impegno, il desiderio di migliorarsi, la costanza, gli ingredienti che permettano a un allievo di eccellere e distinguersi. Leonardo Viola, per esempio, ritiene che “più è alto l’interesse, più si è spinti a migliorare”. Un altro elemento che non deve mai mancare nella formazione di uno studente e di un cittadino è l’umiltà; essa sicuramente è molto importante per Sofia Tralli, la quale, nonostante abbia già ricevuto numerosi premi, si è emozionata profondamente durante la premiazione delle eccellenze di oggi. Sofia ha sottolineato che a spingerla a dare sempre il meglio sono proprio la passione e l’amore che prova nei confronti del getto del peso. La giovane atleta, inoltre, sottolinea che la figura che la spinge a crescere e a cui si ispira è il suo allenatore; parlando di lui, usa parole piene di ammirazione e di devozione. Sofia conclude il suo discorso ricordando l’importanza della partecipazione e dell’impegno, perché “ogni allenamento è utile e insegna qualcosa”.

L’umiltà è molto importante anche perché permette di raggiungere obiettivi molto elevati, rimanendo sempre con i piedi per terra: questi sono anche gli insegnamenti che possiamo trarre dalla vita di alcuni famosi personaggi come Steve Jobs e Mark Zuckerberg, modelli di Matteo Pacchiega.

Tutti gli alunni coinvolti nella nostra intervista ritengono che il riconoscimento ricevuto alla Festa delle Eccellenze del 19 maggio rappresenti una tappa che segna il loro percorso, la soddisfazione e la consapevolezza che gli sforzi fatti per anni vengono ripagati.

Oltre alle eccellenze del Cardano di oggi, abbiamo avuto la fortuna di parlare con il Gruppo degli Ex Allievi che hanno donato una delle due importanti borse di studio, i quali affermano che l’istituto Cardano è stato un punto cardine nella loro vita. La cosa che ritengono di aver imparato e acquisito dal loro percorso formativo, più delle altre, “è il metodo per affrontare i problemi che la vita ogni giorno ci presenta”. Inoltre questa scuola dona un grande “senso di appartenenza e di comunità” che lega ancora gli ex allievi e permette loro di costituire un gruppo coeso, anche a distanza di anni.

Abbiamo concluso le interviste con la Presidente del Consiglio di Istituto e Rappresentante dei Genitori, Elena Paganini, la quale, parlando della personale esperienza del figlio, sostiene che il Cardano sia “una scuola eccellente grazie alla preparazione dei docenti che offrono ai ragazzi la preparazione richiesta dalle aziende e della società”. Elogia inoltre i numerosi progetti che puntano al miglioramento dei ragazzi, come quello di perfezionamento della lingua inglese.

La signora Paganini conclude lasciandoci uno degli insegnamenti più importanti per  noi studenti: “l’unica cosa che non vi potrà mai portare via nessuno è la conoscenza; se voi vi incuriosite, vi interessate e studiate, nessuno potrà approfittarsi di voi perché voi sarete sempre un passo più avanti”.

Segue una breve clip con le foto di tutti i ragazzi premiati.

Festa delle eccellenze 2023

Sara Grignani, Carlotta Novarini 2DLS

Valutazioni: 23 | Media: 5

Nessun voto finora, Sii il primo a votare!

Leggi anche...
Dopo tre anni di assenza a causa della pandemia da…
Home
Cerca
Articoli
Inserti
Archivi
Chi Siamo